Digital Profiling & Privacy

Pubblicato: 1 giugno 2008 da Marco Scialdone in E-Privacy
Tag:

di Alessandro Di Maggio e Telesio Perfetti

Abstract: Nel porre al centro dell’attenzione l’utente si tende ad una visione sempre più integrata e complessiva del rapporto con lo stesso, al fine di una maggiore personalizzazione del servizio. A tal fine le aziende devono necessariamente reperire un elevato numero di informazioni idonee a tracciare le abitudini dei clienti.Una simile esigenza implica che le politiche di CRM debbano far leva su tutta una serie di informazioni che dovranno necessariamente essere approfondite e personali, e che, solo inizialmente, proverranno dall’esterno (database, siti web, etc.), mentre, in seguito, saranno continuamente arricchite mediante l’allestimento di un sistema informatico in azienda.
Se è vero che le aziende sono fortemente orientate all’utilizzo di siffatti sistemi, al contempo (soprattutto quando il cliente è un consumatore) è altrettanto doveroso per le medesime garantire il “giusto” utilizzo dei dati reperiti al fine di non invadere la privacy dei sogget-ti profilati: esigenza, quest’ultima, che non viene scarsamente presa in considerazione.

DOWNLOAD: Digital Profiling & Privacy

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...