Archivio per novembre, 2008

di Andrea Lisi

Presidente dell’Associazione Nazionale Operatori e Responsabili della Conservazione digitale dei documenti (ANORC – www.anorc.it)

Docente a contratto Università del Salento – Scuola Professioni Legali – Facoltà di Giurisprudenza

Coordinatore del Digital&Law Department – Studio Legale Lisi – www.studiolegalelisi.it

Il decreto legge “anti-crisi” approvato ieri, 28 novembre 2008, dal Consiglio di Ministri, contiene delle inattese novità in materia di digitalizzazione documentale.

Come da tempo ci hanno abituato un po’ tutti i governi italiani precedenti, si approfitta della legislazione d’urgenza per far entrare in vigore nel nostro ordinamento norme delicate che, per poter essere inserite seguendo un iter legislativo “normale”, avrebbero dovuto attendere molto di più, a causa dei variegati interessi che esse vanno a toccare. (altro…)

Annunci

Ai sensi dell’art. 18, comma 4, del D.L.vo 30 giugno 2003 n. 196, i soggetti pubblici non devono chiedere il consenso dell’interessato agli effetti del trattamento dei dati personali inerenti lo svolgimento delle funzioni amministrative di loro competenza ed incidenti nella sfera giuridica dell’interessato medesimo, tranne l’ipotesi dell’esercizio delle funzioni proprie degli organismi sanitari pubblici e delle professioni sanitarie. (altro…)

Privacy e Social Network, ecco le regole

Pubblicato: 7 novembre 2008 da Marco Scialdone in E-Privacy
Tag:, ,

di Avv. Antonino Polimeni – Dott. Mauro Priolo (www.studiopolimenicotroneo.it)

15 Ottobre 2008: in occasione della Conferenza internazionale delle Autorità di protezione dei dati, settanta authority preposte alla sorveglianza e al rispetto della privacy nei vari paesi si sono riunite per discutere e fare il punto della situazione analizzando l’attività di vigilanza e i rischi dovuti all’innovazione delle tecnologie.

Il principale e scontato argomento della discussione è ovviamente “internet”. Ma nello specifico, i garanti, durante questa conferenza (giunta ormai alla trentesima edizione) si sono soffermati in particolare su un fenomeno che, soprattutto in questi ultimi mesi, sta letteralmente invadendo la rete: i social network.

Difatti, il contenuto della risoluzione della predetta conferenza del 17/10/2008 evidenzia l’urgenza e la necessità di colmare le lacune legislative presenti nel settore della salvaguardia della privacy all’interno delle community, lasciando intravedere, al contempo, importanti possibili sviluppi normativi a difesa degli utenti. (altro…)

elearning-egoverment“Oggi la formazione non può essere più pensata come un processo esclusivamente interno alle organizzazioni. L’e-learning, infatti, riguarda il modo con cui l’organizzazione si relaziona con l’esterno in modo indiretto, formando personale più consapevole, ma anche trasferendo conoscenze ai cittadini. La produzione di conoscenza, ovvero di contenuti veicolabili sia internamente alle organizzazioni sia ai cittadini, genera nuovi flussi di partecipazione ai processi decisionali proprio a partire dalla condivisione del sapere interno alle organizzazioni pubbliche. La formazione per la PA, quindi, cessa di essere sostanzialmente un esercizio interno, e diventa produttrice di contenuti attivi. Contenuti, cioè, che possono essere non solo riutilizzati dalla stessa amministrazione ma anche condivisi con i cittadini.

L’evento rappresenta anche l’azione di follow-up del progetto europeo Minerva Share sulla riusabilità dei contenuti per l’e-learning di recente concluso dall’Università di Teramo.” (fonte: sito “E-Learning & E-Government”)

Visita il sito dell’evento

Programma

Ogni soggetto deve poter conoscere con precisione i contenuti e gli autori di segnalazioni, esposti o denunce che, fondatamente o meno, possano costituire le basi per l’avvio di un procedimento ispettivo o sanzionatorio, non potendo la p.a. procedente opporre all’interessato esigenze di riservatezza. (altro…)