La vendita di copie pirata favorisce il mercato degli originali

Pubblicato: 4 novembre 2011 da Marco Scialdone in E-Copyright, News
di Marco Scialdone

“In ogni caso, invertendo l’argomentazione giuridica, è concepibile che un cliente, dopo aver sentito o visto la copia pirata, possa decidere di acquistare gli originali … in modo che la vendita di copie pirata, lungi dal nuocere, favorisca il mercato delle riproduzioni originali”.
Chi lo ha scritto? Un esponente del Partito Pirata? Un arruffapopolo, dedito a sbornie di demagogia?
No, è stato messo nero su bianco in una sentenza pronunciata da un giudice spagnolo all’esito di un procedimento penale che vedeva come imputati dei venditori di cd/dvd “pirata”.
La sentenza evoca alla mente un precedente italiano del 2001 (la nota “sentenza anticopyright” dell’allora giudice, Gennaro Francione) in cui era possibile leggere “Anche sul campo della concreta offensività la New economy ha dimostrato come addirittura la diffusione gratuita delle opere artistiche acceleri paradossalmente la vendita anche degli altri prodotti smistati nei canali ufficiali, e se ciò vale nello spazio virtuale di Internet deve valere anche nello spazio materiale con vendita massiccia di prodotti-copia che alimentano l’immagine e la vendita dello stesso prodotto smistato in via “legale”.
Nella sentenza spagnola, in particolare, si è negato qualsivoglia risarcimento sulla base del presupposto dell’assenza del danno. L’ acquisto del materiale pirata sarebbe, infatti, espressione inequivocabile della volontà di non acquistare il prodotto originale ( “i clienti di musica e film pirata, quando effettuano l’acquisto, esternano la loro decisione di non voler acquistare musica e film originali, cosicchè non vi è alcuna perdita. Detto in altre parole, questi acquirenti o comprano al prezzo basso del supporto pirata o non comprano affatto”).
commenti
  1. ilministro scrive:

    Sono quasi totalmente d’accordo.
    L’unica differenza, che secondo me è non da poco, è che chi compra copie materiali favorisce l’arricchimento (si fa per dire) dei “pirati”, invece scaricare da Internet, soprattutto via P2P, non fa lucrare direttamente nessuno. Quindi ben venga, a mia opinione, una regolamentazione per la diffusione gratuita di materiale protetto da copyright in Rete, cosa che, in base a quanto ho detto prima, risulterebbe invece illecita se fatta “sulle bancarelle”.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...